Magazine

Un mese di Olimpia...Febbraio

Quattro partite, tre vittorie, due imprese ed un passaggio a vuoto: il countdown verso i play off è cominciato in un febbraio che va in archivio con la Caloni Agnelli a – 1 dalla vetta della Pool A.

Un mese di Olimpia...Febbraio

I ragazzi di Graziosi si confermano ad altissimi livelli in attesa di un marzo che coinciderà con lo sprint verso il clou dell’annata. L’alba del mese è coincisa con una vittoria più importante che balla a spese della Videx Grottazzolina, un 3-0 utile per cominciare al meglio la seconda fase e soprattutto lasciarsi alle spalle definitivamente le scorie della sconfitta nella finale di Coppa Italia.

Una settimana più tardi, invece, si è sfiorato un record:

a conti fatti, il colpaccio di Siena oltre a rappresentare una delle partite più appassionanti della storia dell’Olimpia ha sfiorato il primato di durata effettiva.

Con 161’ la battaglia del PalaEstra si è risolta ad un solo minuto dalla maratona per eccellenza tra Verona e Ravenna (Superlega) vinta 3-2 dagli scaligeri, giocata nel novembre scorso. Dal 2000, anno in cui la pallavolo ha abolito il cambio palla a favore del rally point system al 25, il confronto diviene dunque il secondo nella graduatoria di sempre. Un solo parziale a non risolversi ai vantaggi (28-30, 30-28, 25-23, 25-27, 17-15) testimonia il valore dell’affermazione dei rossoblù, a cui mancava il classico blitz nella tana di una big.

Sei giorni dopo però il conto da pagare è arrivato complice un fisiologico calo di tensione e un’improvvisa sindrome da appagamento che ha permesso a Santa Croce di violare, dopo la bellezza di tre mesi, il Palasport di Bergamo. Poco male se la striscia vincente si è fermata a 10: sul taraflex vanno giocatori e non robot impermeabili a qualsiasi affanno. Soprattutto perché sono bastati soltanto otto giorni per avere la migliore delle risposte, da grandissima squadra. Hoogendoorn e compagni, infatti, triturano in neppure 90’ la capolista Roma ossia lo scoglio contro il quale si era fermato il sogno Coppa Italia. Un 3-0 altisonante coinciso con la seconda battuta d’arresto stagionale interna dei capitolini complice un vero e proprio show dei nostri, caricati alla perfezione da una doppia sete di riscatto.

La vendetta, del resto, è un piatto che va servito freddo.

Tag

Vuoi rimanere informato sul Mondo Caloni? Iscriviti alla nostra newsletter